Capitano Elena – Nona parte

  Rammentate di essere Maresciallo, vero? Era di nuovo seduta dietro la sua scrivania, mentre il Maresciallo le era di fronte, in piedi in perfetto atteggiamento militare. Era passato giusto un quarto d’ora da quando Elena aiutata da due guardie aveva trascinato il Maresciallo dentro la caserma dividendolo da Francesco prima che scoppiasse la rissa vera e propria, episodio che … Continua a leggere

La storia di Ginevra, Ventiquattresima parte: Finalmente Casa

  Aveva sentito spesso Senesi lamentarsi della loro Repubblica, dell’invasione degli scomunicati, del costo esorbitante della vita, del poco lavoro… ma dal flusso di pensieri dell’uomo che aveva di fronte, capiva che infondo quella che criticavano era pur sempre il posto che per sempre avrebbero chiamato casa. Chi la rinnegava o decideva di lasciarla al proprio destino verso un futuro … Continua a leggere

Capitano Elena – Ottava parte

  Aveva sbagliato dall’inizio. Aveva puntato la testa in una direzione e non si era neanche posta il problema di voltarla leggermente da un’altra parte. Un errore imperdonabile… soprattutto commesso da lei… E adesso, adesso che la luce si era riaccesa, vedeva tutto così tremendamente chiaro che si stupì di quanto cieca fosse riuscita ad essere. È una donna… mormorò … Continua a leggere

La storia di Ginevra, Ventitreesima parte: La storia di Arturo da Arturo

  Arturo ascolto con molta attenzione la storia della ragazza… era una storia diversa, particolare, dolorosa forse ma di vita veramente vissuta. Una cosa lo colpì in particolare, lo colpì come la ragazza parlava di Siena. Allora decise di intervenire Vedi, Siena è una terra strana, io nacqui ad Orbetello, sul mare e sempre ho amato questa terra, così tanto … Continua a leggere

Capitano Elena – Settima parte

  Invece di sedarla, la delusione stava pian piano cominciando ad alimentare la rabbia, che cresceva come l’edera attorno al suo cuore. Il mondo che aveva intorno non aveva posto per una donna come lei. Cominciava a gettarle contro tutto il suo fango pur di vederla demordere e inginocchiarsi di fronte alla realtà. Le aveva tolto in un solo gesto … Continua a leggere

La storia di Ginevra, Ventiduesima parte: La storia di Ginevra da Ginevra

  Raccontami la tua storia… dimmi come hai lasciato la tua traccia su questo mondo in questa tua ancora giovane esistenza… Si sentiva sotto valutazione, con quello sguardo luminoso fisso su di lei. Le sarebbe molto piaciuto sapere a che cosa stava pensando, a quale conclusione era giunto. Ma forse, se proseguiva a chiedere e non accennava a voler andare … Continua a leggere

La storia di Ginevra, Ventunesima parte: In Taverna, Arturo

  La sensazione che aveva Arturo era chiara, sembrava che la sua presenza mettesse a disagio la ragazza, questo lo dispiaceva molto. Quante altre volte era successo che a causa della posizione sociale che occupava qualcuno avesse timore o si sentisse fuori luogo in sua presenza… nonostante la giovane età e nonostante cercasse in ogni modo di non calcare la … Continua a leggere

La storia di Ginevra, Ventesima parte: Accipicchia che nome lungo!!

  Seduta negli angoli più remoti delle taverne, Ginevra sperava sempre di non essere notata dagli altri avventori. Per questo non alzò neanche lo sguardo dalla sua occupazione per controllare chi fosse arrivato. Probabilmente un amante della birra nelle ore tarde, si sarebbe scolato quattro o cinque boccali e poi via, barcollante, avrebbe ripreso la via di casa. Aveva dimenticato … Continua a leggere

Verso Amsterdam…attraverso il passato, per interpretare il presente, per affrontare il futuro(diario di viaggio di Alexandra d’Oria de Polignac)-5

Tra Genova e Alessandria XV giorno del X mese dell’anno 1458 Incredibile. Questa è l’unica parola che mi rimbomba in testa per gli eventi che si sono abbattuti su di noi quest’oggi. Sembra che abbiamo un nuovo compagno di viaggio: il fratello gemello di Ginevra. Si era allontanata da noi per un po’ di tempo, non ci ha detto dove … Continua a leggere

La storia di Ginevra, Diciannovesima parte: Barone Arturo della Carmagnola

  Siena era deserta a quell’ora… succedeva ormai ogni sera, colpa forse del clima di sospetto che gravava ormai in tutta la Toscana da circa novembre… il motivo era palese. Arturo aveva appena attraversato Piazza del Campo e ora si era infilato in un vicoletto angusto, di cui Siena era ricca, alla ricerca di un po’ di ristoro in una … Continua a leggere