Capitano Elena – Ventiseiesima parte

  Incredibile… incredibile come fosse facile distruggere una vita, fino a desiderare di vederla spegnersi. Le sembrava una cosa inconcepibile. Elena era stata costretta a pensare alla morte più di una volta… quando vai in guerra, i conti con la morte li devi fare, e ogni volta che arrivi a chiudere gli occhi la sera, ringrazi chiunque ti abbia dato … Continua a leggere

La Sfregiata – Venticinquesima parte

  Era dietro di lei. Ed anche maledettamente vicina. Il coniglio che corre in fuga dal lupo. Corri Agnes, non può finire così. O forse sì?! In fondo non aveva nulla da perdere. Quanto valeva la sua vita? Quanto valeva a quella missione che aveva intrapreso? Quanto valeva la sua vendetta? Stava nuotando in un mare di confusione. E proprio … Continua a leggere

Capitano Elena – Ventiquattresima parte

  Rimasta praticamente sola in quel vicolo, annegava nella confusione più totale. Quella giornata era stata… decisamente lunga. E aveva come la netta sensazione che non avesse ancora toccato il fondo. Sperava che fosse solo un’impressione, perché ne aveva veramente abbastanza, almeno per quella sera. Sapeva che la storia non sarebbe finita, che c’era ancora un’assassina di cui occuparsi. Quale … Continua a leggere

La Sfregiata – Ventitreesima parte

  Come si dice: tra moglie e marito… Quelle parole la raggiunsero affilate come la lama che sentiva premerle sulla gola. Stai ferma! Fai solo un altro passo verso di lui, e lo sfregio sulla faccia sarà la tua ultima preoccupazione, te lo prometto. Avvertiva chiaramente la rabbia e la serietà che quella voce traspariva. Il Capitano aveva capito. E … Continua a leggere

Capitano Elena – Ventiduesima parte

  Era per quel motivo che parlava a voce alta e chiara, mentre grazie ad una lievissima pressione del filo della spada, spingeva di qualche passo indietro la donna, allontanandola dal corpo di Francesco. Non osava guardare. Nella sua mente non era ancora tutto perduto, e così ancora avrebbe dovuto rimanere. Non era il momento adatto per crollare. Questa volta … Continua a leggere

Capitano Elena – Ventunesima parte

  Le lame scintillano quando sono sotto la luce del Sole… mentre quando questa manca, sono praticamente invisibili. Ma non intangibili, e il loro soffio delicato, lo si distingue subito. Così, quando il filo di una lama accarezzò quasi dolcemente la gola della sfregiata, questa si irrigidì. Come si dice: tra moglie e marito… disse la voce di Elena dall’ombra, … Continua a leggere

Francesco – Ventesima parte

  Avrebbe fatto di tutto per poter tornare indietro per non aver mai compiuto mai quel passo. Era un uomo sì ed era debole. Non aveva saputo tenerle testa, lei era così migliore di lui. Non avrebbe dovuto ascoltare i suoi amici quella notte di qualche settimana prima, per gioco dicevano, noi tutti abbiamo un’amante e mettevano in dubbio la … Continua a leggere

La Sfregiata – Diciannovesima parte

  Il tempo scorre veloce tra le tue dita. L’ennesima notte per strada, sei invisibile quando non sei nessuno e non vali niente. Unico pensiero fisso….che il Capitano avesse capito. Unica speranza, trovare l’omuncolo impunito. L’aveva seguita, osservata…. da quando l’aveva vista la prima volta china sulla sua prima vittima, intenta ad analizzare il cadavere. Sapeva dove abitava, sapeva che … Continua a leggere

Capitano Elena – Diciottesima parte

  Le ore successive trascorsero di fretta. Più pensava, più sentiva che non avrebbe afferrato la soluzione. Ma di smettere di pensarci, non c’era verso. Il tramonto autunnale, che già apriva all’inverno, sembrò accelerare maggiormente la corsa di quella giornata che stava passando veramente troppo in fretta. Sparì oltre le colline che erano solo le quattro e mezza del pomeriggio, … Continua a leggere

Capitano Elena – Diciassettesima parte

  Dove siete stata ieri notte? La domanda la raggiunse lontana e disturbata come se avesse avuto le orecchie tappate con del cotone. Erano le sette e un quarto del mattino, mancavano sedici ore e tre quarti alla scadenza della promessa della sfregiata, ed Elena non aveva la più pallida idea di dove sbattere la testa. Era affacciata alla finestra, … Continua a leggere